Come redigere un business plan

Quando si decide di voler avviare un’attività imprenditoriale, per far in modo che questa cresca, è importante redigere un business plan.

Nello specifico, con il termine di business plan si intende un documento scritto attraverso il quale vengono sintetizzati i contenuti nonché le caratteristiche di un progetto imprenditoriale.

Lo scopo del business plan

La finalità è quella di ridurre notevolmente il rischio aziendale, pertanto diventa un utile strumento per la pianificazione strategica

Per le aziende già esistenti per esempio, un piano aziendale mostra il percorso che bisogna seguire e dunque funge da strumento di gestione e controllo.

Ma il business plan ha un’altra funzione, quella di comunicare il progetto a terze persone quali banche, potenziali nuovi soci e finanziatori che forniscono sovvenzioni e sussidi.

Preparando tale documento dunque, sarà possibile mettere in atto la propria idea imprenditoriale, successivamente invece, potrà fungere come un preciso strumento di controllo per monitorare le varie fasi che si susseguono in un percorso aziendale.

Come si prepara correttamente un business plan

Vediamo nel dettaglio come redigere correttamente il suddetto documento, ma prima è doveroso fare una piccola premessa: per poter determinare il successo di un business plan e dunque essere approvato da chi di competenza, è di vitale importanza che il contenuto e la forma siano redatti in modo chiaro e ben preciso. 

È importante specificare bene ciò che si vorrà ottenere e mai esprimere ambiguità, in aggiunta, occorre dosare con sapienza l’ambizione degli obiettivi posti.

 Detto questo vediamo come bisogna sviluppare un business plan.

1. Qual è il target a cui ci si rivolge

La prima cosa da fare è pensare a chi è rivolto tale documento. 

Una volta compreso questo, è fondamentale fornire ogni informazione in modo dettagliato e ben preciso.

2. Il business plan non deve essere troppo lungo

Questa è una regola importantissima. 

Il piano aziendale per poter avere successo bisogna redigerlo in modo sintetico ma preciso in ogni dettaglio. Per intenderci, non deve superare le 20-30 pagine.

3. Il business plan deve essere aggiornato in caso di modifiche

Partendo da un’idea imprenditoriale, il piano aziendale si sviluppa fase dopo fase. 

Se poi occorre modificare qualche parametro di base è di vitale importanza rivedere tutto il piano aziendale ed eseguire i vari aggiornamenti. 

Per implementare in maniera efficace le varie modifiche nel corso del tempo, una soluzione efficace è quella di numerare le varie aree tematiche e registrare tutti i riferimenti. 

4. È necessario scrivere in modo chiaro e comprensibile

Visto e considerato che durante la lettura il mittente non è presente, il piano aziendale deve essere scritto molto chiaro e preciso al fine di suscitare curiosità al lettore stesso.

5. Fornire le fonti

Bisogna contraddistinguere i fatti dai piani. 

Tutte le previsioni devono essere supportate da fatti e fonti, in aggiunta tutti i dati inseriti devono essere studiati correttamente.

6. Le informazioni devono essere vere

Anche se potrebbe risultare abbastanza scontato è importante sottolineare che tutte le informazioni riportate debbano essere reali.

Per poter redigere un buon business plan, a tal proposito, è consigliabile consultare un buon consulente in modo tale da non commettere errori e ricevere così tutte le informazioni di cui si necessita.

Fonte: Invest in Austria